il monte Amiata

amiata da est

 

ll Monte Amiata, massiccio della Toscana, mostra il suo profilo dolce ma austero anche a grande distanza. Nelle giornate serene lo si scorge dalle colline del Chianti, dalla Maremma e da chi viaggia nel mar Tirreno, dai monti laziali, dalle acque tranquille del laghi Trasimeno e Bolsena. Un profilo netto, forte, che emerge, alla stregua di una ciclopica cattedrale, dalla vasta superficie delle dolci colline toscane.

Immerso e inserito nella Toscana classica, con l'Umbria e la Tuscia laziale a due passi, l'Amiata č rimasto per millenni un territorio con proprie autonome prerogative geologiche, storiche e paesaggistiche. Le rigogliose faggete, le rocce dalle forme inconsuete, le ricche e fresche sorgenti, le miniere (oggi relegate a museo) e una stentata agricoltura montana hanno dato a chi vive sulle pendici della montagna la coscienza di un'orgogliosa diversitā.

I cicli della storia e dell'arte hanno lambito e variamente interessato nei secoli, l'Amiata. Ma nč gli Etruschi, nč i Romani, nč i Longobardi nč gli imperatori d'occidente, nč le storiche Repubbliche di Siena e di Firenze, nč la vivace modernitā della vicina Grosseto, sono mai riusciti ad alterare lo spirito, il carattere, la magia della montagna amiatina, che ha reso simbiotico il rapporto tra natura, paesaggio ed opera dell'uomo.

Nei secoli, l'Amiata ha conosciuto e forgiato un'economia a misura d'uomo e di natura, utilizzando le risorse presenti in varia misura, dai pascoli delle colline e delle valli ai doni della grande foresta montana e ai prodotti di un prezioso artigianato locale, in un percorso di grande respiro sociale, artistico e ambientale. E' lo stesso itinerario che proponiamo in queste pagine, senza tralasciare la comoditā rappresentata (per il turista di oggi) dal territorio dell'Amiata, assai vicino e baricentrico rispetto ai grandi centri storico-artistici e paesistici della Toscana e dell'Umbria.

 

Il territorio del monte Amiata č raggiungibile facendo riferimento a Grosseto, alla s.s. Cassia e al casello dell'Autostrada A1 Chianciano-Chiusi

 

i luoghi antologia il profeta ricettivitā note d'arte racconti foto 1 foto 2 il monastero guidoriccio storia miniere toponomastica arcidosso casteldelpiano abbadia s. salvat. piancastagnaio santa fiora guestbook links home

Vai in un un luogo dell'Amiata:

MSN Search
  Visita il guestbook , il registro degli ospiti, che ora apre la sue pagine, per far conoscere le impressioni e le osservazioni dei visitatori della rete. 

 

Informazioni: A.P.T. Siena - Ufficio di Abbadia San Salvatore: via Adua 25 - Tel. 0577775811 - Fax 0577775877;
A.P.T. Maremma Grosseto - Ufficio di Casteldelpiano: via Marconi,9 - Tel. 0564973510 - Fax 0564973267;
info presso le pro-loco dei comuni dell'Amiata.